fbpx

Fondo Nuove Competenze 2022-2023

1 miliardo di euro per finanziare la formazione digital e green nelle aziende: tutte le date utili

Dopo la registrazione alla Corte dei Conti del 22 settembre 2022, arriva l’avviso operativo Anpal con le linee guida per l’attuazione del Fondo Nuove Competenze 2022-2023.

Il documento conferma il finanziamento di 1 miliardo di euro delle risorse React-Eu per la misura e specifica il calendario delle scadenze per le aziende che vogliono avviare percorsi di potenziamento delle skills dei propri dipendenti in ambito digital e green. Ecco le scadenze indicate nell’avviso pubblico  per le aziende che vogliono avviare le pratiche per il Fondo Nuove Competenze:

  • dal 13 dicembre sarà possibile aderire alla misura;
  • entro il 31 dicembre dovranno essere sottoscritti gli accordi sindacali per la rimodulazione dell’orario di lavoro;
  • entro il 28 febbraio 2023 dovranno essere caricate su MyAnpal i progetti formativi.

Ad ANPAL – Agenzia Nazionale Politiche Attive del Lavoro – è affidata l’operatività e la gestione delle richieste, con il supporto di AnpalServizi e con la collaborazione dell’Inps per le verifiche e le erogazioni finanziarie. Le domande di accesso ai contributi del Fondo Nuove Competenze 2022 verranno prese in esame in ordine cronologico, quindi la velocità di attivazione è fondamentale.

Vediamo insieme le principali novità rispetto all’edizione precedente e le caratteristiche di questa iniziativa a sostegno delle aziende italiane per poterne sfruttare a pieno i vantaggi in tempi utili.

Le novità del Fondo Nuove Competenze 2022

Rispetto alla precedente edizione del Fondo, ecco le principali novità.

  1. Gli interventi saranno rivolti quasi integralmente a sostenere le imprese e i lavoratori ad affrontare i cambiamenti connessi alla doppia transizione digitale ed ecologica.
  2. Pieno coinvolgimento dei Fondi interprofessionali, a garanzia dell’efficacia e della qualità dei percorsi formativi.
  3. progetti formativi dovranno prevedere per ciascun lavoratore coinvolto una durata minima di 40 ore e massima di 200 ore.
  4. Il contributo massimo complessivo riconoscibile per ciascuna istanza non potrà eccedere i 10 milioni di euro.
  5. Il datore di lavoro ammesso a contributo potrà richiedere un’anticipazione nel limite del 40% del contributo concesso, previa presentazione di una fideiussione.

Quali vantaggi offre il Fondo Nuove Competenze 2022?

È un’occasione davvero importante per le aziende e per centinaia di migliaia di lavoratori, che potranno riqualificarsi e adeguare le proprie competenze a fronte delle grandi trasformazioni – in primis, quella digitale ed ecologica – in atto nel mercato del lavoro.

La finalità del Fondo sin dall’inizio è sostenere le imprese nel processo di adeguamento ai nuovi modelli organizzativi e produttivi, offrendo ai propri lavoratori l’opportunità di acquisire nuove o maggiori competenze e di dotarsi degli strumenti utili per adattarsi alle nuove condizioni del mercato di lavoro.

La prima edizione del Fondo nuove competenze ha permesso di finanziare 14.000 aziende, con il coinvolgono di oltre 700 mila lavoratori nei percorsi di formazione.

In linea con gli sforzi del Governo di orientare le risorse ricevute dal PNRR come voluto dalla Commissione Europea, la seconda edizione del Fondo nuove competenze prevede contributi per attività formative nei seguenti ambiti:

  • innovazioni nella produzione e commercializzazione di beni e servizi che richiedono un aggiornamento delle competenze digitali;
  • innovazioni aziendali volte all’efficientamento energetico e all’uso di fonti sostenibili;
  • innovazioni aziendali volte alla promozione dell’economia circolare, alla riduzione di sprechi e al corretto trattamento di scarti e rifiuti, incluso trattamento acque;
  • innovazioni volte alla produzione e commercializzazione di beni e servizi a ridotto impatto ambientale;
  • innovazioni volte alla produzione e commercializzazione sostenibile di beni e servizi nei settori agricoltura, silvicultura e pesca, incluse le attività di ricettività agrituristica;
  • promozione della sensibilità ecologica, di azioni di valorizzazione o riqualificazione del patrimonio ambientale, artistico e culturale.

Il quadro di riferimento per le competenze digitali sarà il DGCOMP, mentre per le competenze utili alla transizione ecologica si fa riferimento alla classificazione ESCO, come specifica il Ministero nella sua nota.

Fondo Nuove Competenze 2022: quanto si può recuperare?

Il Fondo prevede contributo a fondo perduto del 60% a copertura del costo del personale dipendente in percorsi di formazione in ambito digitale o di sostenibilità ambientale, fino a un massimo di 200 ore.

Il contributo può arrivare fino al 100% in caso di riduzione dell’orario di lavoro a parità di salario per un periodo di almeno 3 anni.

Per potere accedere al contributo occorre stipulare un accordo sindacale per la rimodulazione dell’orario di lavoro. L’accordo deve prevedere i progetti formativi, il numero dei lavoratori coinvolti e il numero di ore dell’orario di lavoro da destinare a percorsi.

COME AVVENGONO IL CALCOLO E IL CONFERIMENTO DEL CONTRIBUTO (in breve)

In base al decreto ANPAL 275-2022, il Fondo Nuove Competenze copre fino al 60% della retribuzione oraria delle ore destinate alla formazione. Tale retribuzione oraria viene calcolata sulla base della retribuzione teorica comunicata dall’imprenditore all’Inps, nel mese in cui ha inviato la domanda per il Fondo.

Il Fondo copre il 100% dei contributi assistenziali e previdenziali al netto degli eventuali sgravi contributivi (di cui puoi usufruire come datore di lavoro) nel mese di approvazione della domanda di accesso al Fondo.

Il contributo a fondo perduto viene versato con un anticipo del 70% direttamente sul conto corrente aziendale: il beneficiario può dunque subito disporne per aggiornare o potenziare le competenze dei dipendenti. La restante parte viene erogata da ANPAL alla fine del percorso formativo, quando i dipendenti hanno acquisito le competenze necessarie.

Fondo Nuove Competenze 2022: quali opportunità

Come specificato nell’avviso pubblico ANPAL, o fondi interprofessionali avranno un ruolo di primo piano rappresentando il canale di accesso principale. Inoltre le attività dovranno essere svolte da enti accreditati a livello nazionale o regionale e non potrà essere la stessa azienda che accede all’agevolazione ad erogare la formazione.

Ecco perché affidarsi a STARGATE CONSULTING, Agenzia Formativa accreditata dalla Regione Toscana (cod. OF0162) e dai principali fondi interprofessionali per la gestione dei progetti formativi finanziati (Fonarcom, Formatemp, Fondimpresa, Fondirigenti, Fondo Banche e Assicurazioni, FonTer, FonCoop, Fonder, Fondir, FAPI).

Se vuoi sapere come ottenere un contributo a fondo perduto per sostenere le spese di formazione dei tuoi dipendenti contattaci subito cliccando sul bottone che trovi di seguito per:

  1. valutare insieme quanto puoi recuperare
  2. creare un progetto formativo ad hoc
  3. gestire la pratica di richiesta in modo efficace.

Trasforma i costi di formazione in opportunità di crescita ed evoluzione aziendale grazie al Fondo Nuove Competenze ANPAL e al nostro ampio catalogo formativo ammissibile.

ARTICOLI RECENTI

CATEGORIE

CALENDARIO
Dicembre 2022
L M M G V S D
 1234
567891011
12131415161718
19202122232425
262728293031