fbpx

Ricerca & Sviluppo

Con le novità introdotte dalla Legge di Bilancio 2022, si prospetta il seguente scenario.

Per quanto riguarda le attività di Ricerca e Sviluppo (R&S):

  • Investimenti in R&S effettuati nei periodi d’imposta in corso al 31.12.2021 e 31.12.2022, con aliquota del 20% e massimale annuo di credito pari a 4 milioni di euro (comma 203, dell’articolo 1, L. 160/2019);
  • Investimenti in R&S effettuati a partire dal periodo d’imposta in corso al 31.12.2023 e fino al 31.12.2031, con aliquota del 10% e massimale annuo di credito pari a 5 milioni di euro (nuovo comma 203-bis, dell’articolo 1, L. 160/2019).

Per quanto riguarda le attività di Innovazione Tecnologica (IT):

  • Investimenti in IT effettuati nei periodi d’imposta in corso al 31.12.2021, 31.12.2022 e 31.12.2023, con aliquota del 10% e massimale annuo di credito pari a 2 milioni di euro (comma 203, dell’articolo 1, L. 160/2019, come modificato con proroga di 1 periodo dal DDL di Bilancio 2022);
  • Investimenti in IT effettuati nei periodi d’imposta in corso al 31.12.2024 e 31.12.2025, con aliquota del 5% e massimale annuo di credito pari a 2 milioni di euro (nuovo comma 203-ter, dell’articolo 1, L. 160/2019).

Per quanto riguarda le attività di Innovazione Tecnologica 4.0 e Green (IT 4.0/Green):

  • Investimenti in IT 4.0 o green effettuati nei periodi d’imposta in corso al 31.12.2021 e 31.12.2022, con aliquota del 15% e massimale annuo di credito pari a 2 milioni di euro (comma 203, dell’articolo 1, L. 160/2019);
  • Investimenti in IT 4.0 o green effettuati nel periodo d’imposta in corso al 31.12.2023, 31.12.2024 e 31.12.2025, con aliquota del 10% e massimale annuo di credito pari a 4 milioni di euro (nuovo comma 203-quinquies, dell’articolo 1, L.160/2019);
  • Investimenti in IT 4.0 o green effettuati nel periodo d’imposta in corso al 31.12.2024 e 31.12.2025, con aliquota del 5% e massimale annuo di credito pari a 4 milioni di euro (nuovo comma 203-sexies, dell’articolo 1, L.160/2019).

Per quanto riguarda le attività di Design e Ideazione Estetica (Design):

  • Investimenti in Design e ideazione estetica effettuati nei periodi d’imposta in corso al 31.12.2021, 31.12.2022 e 31.12.2023, con aliquota del 10% e massimale annuo di credito pari a 2 milioni di euro (comma 203, dell’articolo 1, L. 160/2019, come modificato dal DDL di Bilancio 2022);
  • Investimenti in Design e ideazione estetica effettuati nei periodi d’imposta in corso al 31.12.2024 e 31.12.2025, con aliquota del 5% e massimale annuo di credito pari a 2 milioni di euro (nuovo comma 203-quater, dell’articolo 1, L. 160/2019).

L’agevolazione è considerata al netto delle altre sovvenzioni o dei contributi a qualunque titolo ricevuti per le stesse spese ammissibili, va ragguagliata ad anno in caso di periodo di imposta di durata inferiore o superiore a dodici mesi ed è cumulabile con altre misure aventi ad oggetto i medesimi costi, tenendo conto del limite del costo sostenuto.